Ravaioli (PD): “Dall’Emilia-Romagna 19 milioni a sostegno dell’adolescenza”

Ravaioli (PD): “Dall’Emilia-Romagna 19 milioni a sostegno dell’adolescenza”

Al centro della due giorni di Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna il piano regionale per l’adolescenza 2018/2020. «Un piano da 19 milioni di euro, con un aumento di 8 milioni di euro rispetto allo scorso biennio, a sostegno alle politiche per l’adolescenza in Emilia-Romagna – spiega la consigliera regionale Valentina Ravaioli – con cui si va ad agire sul piano della prevenzione e del disagio, dall’abbandono scolastico alla dipendenza da sostanze e all’azzardopatia, dalla promozione di corretti stili di vita all’educazione alla sessualità e all’affettività, al contrasto di fenomeni come quelli del bullismo e cyberbullismo, in un’ottica di equilibrio rispetto alla sfera dell’agio, mirata ad accompagnare i giovani nell’orientamento al mondo professionale, a sviluppare la creatività, a sostenere percorsi di cittadinanza attiva che sensibilizzino i ragazzi alla corresponsabilità, alla legalità e al rispetto di ogni tipo di differenza».

L’obiettivo è quello di coinvolgere i diversi attori sociali che gravitano attorno al mondo degli adolescenti, ovvero i genitori, gli insegnanti e gli educatori sportivi e di supportare le ragazze e i ragazzi con l’attivazione di sportelli individuali e di gruppo nelle scuole, il sostegno extrascolastico e la promozione dello sport. Tutti gli interventi sono interconnessi fra loro e collegati ad altri piani regionali come, ad esempio, quello socio-sanitario.

«Si tratta di investimenti importanti”- conclude Ravaioli-“ che comprendono un bando da 3 milioni specifico per gli adolescenti, uno da 6 milioni per il finanziamento dei centri estivi, uno da 6 milioni cogestito con l’assessorato Scuola, Formazione, Lavoro per gli sportelli scolastici, 3 milioni per il servizio civile per minorenni e 200 mila euro per progetti di formazione dedicati a genitori e famiglie. Gli adolescenti che verranno coinvolti, che ricoprono la fascia dagli 11 ai 24 anni, sono circa 550 mila. La Regione dimostra ancora una volta di mettere al centro i giovani».

Intervento in aula

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *