---

Newsletter n. 41
Ottobre 2018
Partecipazione e sessione europea

Nella scorsa Assemblea, all’interno della Sessione europea 2018, approvato l’emendamento che, accogliendo le richieste dei territori, rinvia il blocco degli euro 4 al 2020, ponendosi l’obiettivo di mantenere le stime sul taglio delle emissioni inquinanti con misure emergenziali più aspre, raddoppio delle domeniche ecologiche e stop ai diesel euro 3.
Votata anche la nuova legge sulla partecipazione, risultato di un intenso lavoro di collaborazione tra l’Assemblea e la Giunta, che permetterà di aggiornare il precedente testo, rafforzando il contributo dei cittadini, prevedendo la verifica degli esiti dei processi partecipativi messi in atto e favorendo lo scambio di buone prassi tra i vari livelli istituzionali.
A breve il sito web dedicato ed i bandi che garantiranno il supporto alle azioni di maggior protagonismo dei cittadini, nel decidere e nel fare.

Buona lettura e alla prossima!

Valentina Ravaioli

Consigliera Regionale ER - Vicepresidente Commissione Cultura, Scuola, Formazione, Lavoro, Sport e Legalità

---

In primo piano

Cambia la manovra antismog: fermi diesel euro 3, raddoppio domeniche ecologiche e misure emergenziali più aspre. Blocco euro 4 dal 2020 
In Assemblea legislativa approvato un emendamento presentato dalla Giunta al progetto di legge ‘Sessione europea 2018’ in seguito alla richiesta di togliere il divieto generalizzato alla circolazione dei diesel euro 4 prevista nel Pair 2020 (Piano aria integrato regionale), sottoscritto da tutti i Comuni interessati e senza voti contrari di nessuna forza politica in Aula. Richiesta accolta dalla Regione per dare risposte alle richieste di cittadini e imprese raccolte dai sindaci e per uniformità con le altre Regioni dell’accordo di Bacino Padano (LombardiaVeneto Piemonte).

Partecipazione, Petitti: “Una legge innovativa, i cittadini siano protagonisti"
La legge votata dall’Assemblea legislativa è il frutto di un intenso e proficuo lavoro di collaborazione tra l’Assemblea stessa e la Giunta. Lavoro che ha permesso di aggiornare un testo che già era all’avanguardia, mettendo a frutto esperienze concrete e suggerimenti di tecnici ed esperti. L’impianto finale viene inoltre arricchito da ulteriori elementi di qualità, come ad esempio la verifica dell’impatto dei processi partecipativi.
500mila euro per progetti condivisi e 190mila per quelli tematici nel 2019.

Risoluzione per vietare la celebrazione della marcia su Roma a Predappio
Risoluzione per impegnare la Giunta ad accogliere l'appello dell'ANPI e ad adoperarsi affinché le autorità preposte vietino lo svolgersi della celebrazione della marcia su Roma a Predappio il 28 ottobre 2018 e che in quella data sia ripristinata invece la rievocazione della liberazione dal nazifascismo della città. 

---

Notizie dalla Regione

Scuola. Secondo i risultati del 19° Rapporto Legambiente, l’Emilia-Romagna seconda a livello nazionale per la qualità dell’edilizia scolastica e dei servizi. Reggio, Piacenza, Parma, Rimini e Forlì tra le prime dodici città 
Accessibilità e sicurezza degli edifici, servizi di qualità, pasti bio. L'Emilia-Romagna è anche risultata tra le prime tre regioni che utilizzano fonti rinnovabili.

Nidi e materne, in arrivo 20 milioni: più servizi, contenimento delle rette e riduzione delle liste d'attesa 
Il via libera è arrivato dalla Conferenza Stato-Regioni che ha approvato il riparto del fondo nazionale di 224 milioni.
Un pacchetto di risorse, quello assegnato all’Emilia-Romagna, destinato ai Comuni, che si aggiunge agli 11 milioni di risorse regionali messe a disposizione per il 2018 (33 in tre anni).

All'Emilia-Romagna oltre 7 milioni di euro per combattere il gioco d'azzardo patologico 
È quanto è stato assegnato alla Regione Emilia-Romagna dal decreto – su cui la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha espresso parere positivo – che ripartisce il Fondo per il gioco d’azzardo patologico per gli anni 2018-2019.

Salute, l’Emilia-Romagna accelera ancora: vaccinazioni obbligatorie oltre la soglia del 95% 
Percentuali in netta crescita in tutte le province, con aumenti che in sei mesi toccano addirittura i 7 punti nelle città storicamente più indietro. 
Bene anche le vaccinazioni non obbligatorie, ma solo raccomandate, in deciso aumento e sempre più vicine al 95%: per il meningococco C si passa dal 91,6% di copertura al 31 dicembre 2017 al 94,1% del 30 giugno 2018, per lo pneumococco dal 92,7% al 93,4%.

Interruzioni volontarie di gravidanza, in Emilia-Romagna prosegue il calo: -7% nel 2017 
Continuano a diminuire, in Emilia-Romagna, le Interruzioni volontarie di gravidanza (Ivg): nel 2017 sono state 7.130, il numero più basso registrato annualmente in regione dall’inizio della rilevazione, nel 1980. Il dato, in calo rispetto al 2016 (-7%), conferma dunque il trend di riduzione che ha caratterizzato gli ultimi anni, in particolare dal 2004, quando erano state registrate 11.839 interruzioni: nell’arco di 13 anni, il calo è stato del 40%.

Adolescenti, Piano della Regione: opportunità, benessere e contrasto al disagio 
Un Piano costruito assieme al territorio, con incontri che si sono svolti in tutte le province, da Piacenza a Rimini, e al quale la Regione destinerà specifiche risorse. 
Sono tre le priorità di intervento individuate dal provvedimento: ‘Il dialogo’, ovvero la capacità da parte degli adulti (genitori, insegnanti, allenatori sportivi) di ascoltare i ragazzi, comprenderne i bisogni e, nel caso, intercettare e accogliere segnali di disagio presenti nel contesto scolastico e nella comunità; “La cittadinanza attiva”,che consiste nel  coinvolgimento diretto degli adolescenti nelle scelte che li riguardano e nella promozione di forme di cittadinanza attiva, quali il servizio civile o le esperienze di alternanza scuola lavoro nell’ambito scolastico; “La cura” dei ragazzi per favorirne ilbenessere fisico e relazionale, stili di vita salutari e prevenire ogni forma di dipendenza o disagio psicologico. 

EnERgie Diffuse, la cultura riflette. Tre grandi convegni per analizzare e valorizzare la creatività 
Il ruolo della cultura, come attivarla e promuoverla, la sua funzione in ambito sociale ed economico e la valorizzazione del patrimonio culturale, l’”orange economy”, la rigenerazione urbana: EnERgie Diffuse, la Settimana della Cultura in Emilia-Romagna dal 7 al 14 ottobre sarà anche occasione di discussione e confronto, elaborazione teorica e momento di riflessione in quattro convegni, articolati in più giorni e più città.
Tra gli appuntamenti che si sono tenuti a Forlì: i13 ottobre gli Stati generali della creatività, una giornata dedicata alla creatività giovanile, all'impresa culturale e alla scoperta della “orange economy”; dal 10 al 12 ottobre “Forlì Music First.La musica per prima”, il concorso per giovani musicisti emergenti; dall’11 al 13 ottobre nella Fabbrica delle Candele, Sedicicorto International Film festival.  

Boom di richieste: la Regione fa salire a 11 milioni le risorse per ascensori, montascale e rimozione barriere architettoniche negli alloggi Erp 
Con l’aggiornamento della graduatoria approvato in questi giorni dall’esecutivo regionalesalgono così a 628 gli interventi finanziati: 115 riguardano l’installazione di ascensori o montascale, 513 i lavori all’interno degli appartamenti. A Forlì-Cesena 83 interventi (576.242 euro).

Rievocazioni storiche, feste medievali e palii storici: la Regione stanzia 300mila euro 
Nel 2018 finanziati 13 progetti ideati da associazioni di rievocazione storica ed enti locali in provincia di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Modena e Ravenna.
Nella provincia di Forlì-Cesena all’Ente Palio di Santa Reparata e della Romagna Toscana a Castrocaro Terme sono andati 15.745 euro per realizzare il Palio locale, che ricorda l'insediamento del Commissario granducale di Firenze nel 1579, invece 9.600 euro sono il contributo regionale all’associazione polisportiva Rocca delle Caminate di Predappio per l’organizzazione di “Falchi ed archi” che ricorda la battaglia svolta nel 1494 con gare di tiro con l'arco e spettacoli di falconeria.

Meno barriere architettoniche, più ascensori: dalla Regione 15 milioni per interventi in case e condomini 
La Giunta regionale ha approvato, nella seduta di lunedì, la ripartizione dei contributi su tutto il territorio, da Piacenza a Rimini13 milioni riguardano la prima parte dei 29 assegnati all’Emilia-Romagna per il triennio 2018-2020 dal Fondo nazionale, che è stato rifinanziato dopo 14 anni di stop; i restanti 2,2 milioni di euro sono quelli stanziati annualmente dalla Regione attraverso lo specifico Fondo regionale, istituito nel 2014 proprio per supplire alla mancanza di contributi statali. Un Fondo che sinora, in quattro anni dalla sua attivazione, ha permesso di finanziare, con oltre 8 milioni di euro, più di 2.300 interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche negli appartamenti privati. Alla provincia di Forlì-Cesena destinati 1,1 milione di euro del Fondo nazionale e  240 mila euro dal Fondo regionale.

---

Bandi

Segnalo ancora alcuni bandi regionali ed europei in scadenza nei prossimi mesi relativi alle seguenti aree:

Università: contributo per il diritto allo studio

Scuola: contributo per i libri di testo, avvicinamento alla ricerca e dell'innovazione (discipline STEAM)

Imprese: consorzio fidi, ricerca, turismo, promozione imprenditoriale, Fondo Starter, Fondo Energia, startup innovative, investimenti produttivi, 

Agricoltura: giovani agricoltori, apicultura, educazione alimentare, valorizzazione foreste, regimi di qualità dei prodotti agricoli 

Ambiente: bollo auto ibride, prevenzione rischio sismisco

Protezione civile: contributi per danni ad aziende per il maltempo 2016-2017

---

Atti presentati

---

Comunicati stampa

---

Puoi trovarmi anche su Facebook Twitter

Gli indirizzi email di questa newsletter sono di utenti che entrano/sono entrati in contatto direttamente o indirettamente o sono stati reperiti attraverso fonti di pubblico dominio.
Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta a garanzia della privacy (D.Lgs 196 del 30 giugno 2003).
Può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso ci scusiamo per il disturbo arrecatoVI e Vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo RIMUOVI a questa mail, precisando l'indirizzo che vorrete immediatamente rimosso dalla mailing list.
Abbiamo cura di evitare fastidiosi multipli invii, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin da ora invitandoVi a segnalarcelo immediatamente.
In rispetto alla legge 196 del 30 giugno 2003  per la tutela delle persone e di altri soggetti riguardo al trattamento di dati personali questo messaggio non può essere considerato spam in quanto include  la possibilità di poter essere rimossi da ulteriori invii.